9, Impasse de Mont-Louis
75011 Paris France
+33 (0)1 40 09 50 72
contact@artheme.archi

Piccole stazioni

Concours « petites » stations ferroviaires

Maître d’Ouvrage : RFI – Réseau Ferré Italien
site/programme : Concours sur une nouvelle typologie de « petites » stations ferroviaires
déclinée sur tout le territoire italien

Intervenants :
LSB architetti associati Turin
Conseil éclairage : Philippe Michel

extrait texte LSB arch.

 » Le infrastrutture pubbliche sono direttamente legate all’espressione sociale, culturale e politica di una società e del suo momento storico.
L’opera infrastrutturale è vista come una opportunità nell’innescare processi di qualificazione del paesaggio che da essa viene attraversato.
Intorno alla stazione nascono nuove identità e nuovi luoghi di scambio intermodali, culturali, servizi commerciali, servizi sociali.
La richiesta di definire un modello per i terminali viaggiatori minori della rete ferroviaria, di diffusione capillare su tutto il territorio nazionale, porta a pensare a cosa sia l’Italia delle province, dei paesi, delle località minori in cui si esprime una vastissima varietà di tipicità e di identità.
Nel sistema ferroviario nazionale la piccola stazione può essere quindi definita secondo
l’idea di nodo-porta: ogni stazione rappresenta un punto – il nodo – appartenente
al fitto sistema di linee ferroviarie, mentre al contempo costituisce la soglia di accesso, la porta alla città di appartenenza, al territorio. Seguendo l’astrazione di nodo-porta la stazione racchiude in sé i concetti di global – il nodo e di local – la porta.
In tal senso il progetto delle piccole stazioni può essere visto come una opportunità,
nuova e inedita, a divenire presidio del territorio, sentinella del patrimonio e delle culture, attraverso cui la cittadinanza locale ritrova una particolare affinità e un rinnovato legame territoriale.
Traducendo questi abbiamo sviluppato tutti gli elementi del progetto intorno ad un materiale predominante: la terra cotta.
L’argilla è un materiale immediatamente riconoscibile e portatore dell’identità complessiva del nostro paese, dell’italianità, in grado di ben adattarsi ed iscriversi nella corporate identity delle FS.
I rivestimenti in argilla utilizzati per le recinzioni, le facciate e gli interni, vengono realizzati con le terre reperite nelle differenti aree territoriali che ne determinano le colorazioni.
Questo approccio garantisce la percezione della varietà tipicamente italiana applicata ad un sistema base comune – uno spartito, o, come diremo più avanti, un pattern – leggibile percorrendo un ipotetico viaggio da nord a sud della nostra penisola. »